La prossima meta per le tue vacanze

State ancora vagliando le possibili opzioni in attesa di scegliere la meta per le prossime vacanze estive? Avete pensato alle isole Canarie, autentico scrigno di sorprese situato nel bel mezzo dell’oceano Atlantico? Le Canarie sono amministrativamente legate alla Spagna, sebbene la loro posizione geografia suggerisca tutt’altro: l’arcipelago canario, infatti, dista soltanto poche centinaia di chilometri dalle coste del Marocco e gode di un clima tipicamente tropicale, con una differenza termica ridottissima tra estate ed inverno. La presenza di numerosi vulcani ha fortemente caratterizzato il territorio di queste isole, originando ampi spazi dominati da terra nera, roccia vulcanica e paesaggi lunari. Fra le più belle isole delle Canarie figura Gran Canaria, che a ragione è definita come il continente in miniatura. Chi cerca spazi selvaggi, relax ed una natura incontaminata, deve visitare assolutamente El Hierro e La Gomera, due isole nelle quali la mano dell’uomo non ha prodotto che pochissime variazioni nel corso dei secoli. A La Gomera spicca per bellezza Playa des Ingles, una splendida spiaggia di sabbia scura, un tempo frequentata da hyppie, oggi raggiunta da molti cultori del nudismo. El Hierro è famosa per l’alto numero di piscine naturali, create dalle rocce presenti nelle baie riparate e caratterizzate da acque turchesi e trasparenti. Un esempio sono le piscine de la Maceta, le cui acque sono meno fredde rispetto a quelle dell’oceano. Chi ha intenzione di sposare l’atmosfera fresca ed alternativa di La Palma, l’isola più giovanile delle Canarie, non può prescindere da una gita presso il cosiddetto Cubo de la Galga, una meravigliosa foresta tropicale che stacca nettamente dai paesaggi vulcanici che dominano gran parte delle altre isole. La Palma è un’isola verdeggiante, in parte occupata dal parco nazionale della Caldera de Taburiente, situato all’interno di un vulcano estinto e caratterizzato da un’enorme distesa di pini delle Canarie. Chi ama gli sport acquatici deve raggiungere Fuerteventura e le sue spiagge attrezzate: surf, windsurf e kitesurf sono le attività più gettonate. Nell’area protetta di Los Ajaches, a Lanzarote, spicca la spiaggia di Papagayo: rocce dalle forme arrotondate proteggono una baia di inenarrabile bellezza.

Un weekend a Ischia

Il golfo di Napoli racchiude un gruppo di isole di struggente bellezza e fra queste, una delle più ricche di anfratti d’incanto e di possibilità di trascorrere il proprio tempo coccolati da un ampio ventaglio di divertimenti, è Ischia. Anticamente chiamata Pithecusae dai mercanti greci che intessevano rapporti con i commercianti del Mediterraneo occidentale, Ischia è oggi frequentata soprattutto per i suoi innumerevoli centri termali, che sfruttano le acque curative che fuoriescono abbondantissime dal sottosuolo. Ischia è da visitare per intero, ma chi avesse a disposizione un solo weekend, dovrà dare la priorità a talune perle, quali la fantastica baia di Sorgeto, il Castello Aragonese e le celebri terme Poseidon. La baia di Sorgeto è inclusa nel comune di Forio d’Ischia ed ospita una splendida spiaggetta nascosta, collegata alla sede stradale da una lunga scalinata realizzata nella roccia. L’eccezionalità di questa spiaggia è dovuta, oltre alla particolarità e all’intimità del luogo, al fatto che dalle sue rocce sgorgano le acque termali bollenti che caratterizzano tutta l’isola e che qui si versano in un sistema di vasche costruite con l’ausilio dei ciottoli presenti sul fondo. Concedersi un bagno rilassante in questo luogo magico è un toccasana per il corpo e la mente. Nella baia di Citara sorge il parco Poseidon, imperdibile per chiunque voglia godere pienamente delle peculiarità dell’isola. Qui, una spiaggia privata ed attrezzata di tutto punto, venti piscine, una sauna naturale e percorsi dedicati all’idroterapia, accolgono ogni anno migliaia di visitatori che si bagnano nelle acque termali del parco con lo sguardo puntato verso gli splendidi promontori alberati che racchiudono la baia. Alla spiaggia confinante, inoltre, va riconosciuto il primato fra i tratti costieri più belli dell’isola, con la sua sabbia fine e dorata e la sua eccezionale esposizione. Da non perdere il Castello Aragonese, il simbolo di Ischia, edificato su un promontorio in mezzo al mare e collegato alla terraferma da un istmo. Il Castello ospita sovente mostre d’arte e rassegne internazionali; gli orti e i vigneti che circondano i corpi della struttura ancora in alzato rendono ancora più magico il luogo, che domina fiero dai suoi 113 metri di altezza le acque sottostanti. Ischia è un posto che va assolutamente visitato e che, contrariamente alle sue dimensioni limitate, offre una grande varietà di siti di enorme interesse.

Raggiungi le meravigliose isole Pelagie in tutta comodità

Le isole Pelagie formano un arcipelago di grande bellezza, facente parte della regione Sicilia e situato a sud di essa. Le isole Pelagie costituiscono le terre emerse più meridionali d’Italia e furono così chiamate dagli antichi coloni greci, perché poste in mare aperto. Le quattro isole appartengono amministrativamente al comune di Lampedusa e Linosa, facente parte della provincia di Agrigento. È possibile raggiungere queste perle situate nel cuore del Mediterraneo, muovendo da Porto Empedocle, il principale scalo dell’intera provincia akragantina. Da qui, ho avuto il piacere di dare inizio alla mia avventura nei mari più meridionali della penisola, alla scoperta di una meraviglia siciliana posta a due passi dal continente africano. I traghetti per le Pelagie sono della compagnia Siremar muovono quotidianamente da Porto Empedocle alla volta della meravigliosa Lampedusa o della più settentrionale Linosa. Lampedusa è raggiungibile in circa 9 ore e 45 minuti con partenze generalmente fissate per le 23. L’affascinante Linosa è raggiungibile in 7 ore e 30 minuti con partenza fissata alle 23 e arrivo all’alba. Durante il mio viaggio per Lampedusa non ho ravvisato il minimo disservizio ed, ancora una volta, la puntualità, le condizioni igieniche, il servizio di climatizzazione e la cortesia del personale di bordo, si sono mostrati irreprensibili. L’arrivo a Lampedusa mi ha riservato fin da subito l’immensa gioia di essere sbarcato in una riserva naturale di infinita bellezza, in un ambiente naturale incontaminato che, ancora oggi, riveste una delle mete preferite delle centinaia di tartarughe marine che annualmente vengono qui a deporre le loro uova. A Lampedusa è presente anche un centro WWF dedicato a questi animali, che ha l’aspetto di un vero e proprio ricovero, con oltre 500 esemplari l’anno tratti in salvo e curati dai volontari. Il centro è situato nei pressi del porto vecchio ed è visitato da circa 10.000 visitatori all’anno. Per comprendere la spettacolare orografia della zona e per osservare da vicino le decine di calette, le grotte e gli anfratti di infinita bellezza, è possibile effettuare il giro dell’isola in barca, accedendo ai tour organizzati in partenza ogni mattina dal porto nuovo. A Lampedusa è imperdibile la spiaggia dei Conigli, riconosciuta quale località balneare più bella d’Europa. Linosa è la sorella minore di Lampedusa: è un’isola vulcanica puntellata di abitazioni dalle facciate colorate e caratterizzata da un territorio selvaggio, ed è il paradiso di tutti gli appassionati di snorkeling.

Raggiungi la bellissima Ischia

Raggiungere Ischia con il traghetto è praticamente un gioco da ragazzi grazie a una rete di collegamenti molto fitta e di mezzi che consentono anche il trasporto di auto e moto. Frequenti le partenze dei traghetti per Ischia dai porti di Napoli, Pozzuoli e Procida e, d’estate, anche da Salerno, Amalfi, Positano e Sorrento. Una traversata tranquilla e piacevole che dà la possibilità di ammirare il Golfo, la splendida costa e le isole in lontananza come in una vera mini crociera e senza dover ricorrere a spese eccessive.
Isola di origine vulcanica di rara e riconosciuta bellezza, nonostante l’altissima concentrazione di terme Ischia conserva un fascino nascosto tutto da scoprire. Luoghi con panorami davvero mozzafiato, spiagge, terme, vecchie ville e antiche fortezze si coniugano alla perfezione sull’isola partenopea, tanto che stilare un elenco delle cose da vedere è un compito alquanto difficile.

Uno dei posti più antichi di Ischia resta il castello Aragonese, un luogo di forte richiamo arroccato su di un piccolo isolotto e raggiungibile attraverso un ponte. All’interno di questo maestoso castello fascinosi viali, chiese, un vecchio carcere e tanto altro ancora. Tra le più belle ville dell’isola è da segnalare sicuramente la Colombaia, un tempo appartenuta al celebre regista Luchino Visconti al quale è dedicato il museo ospitato proprio all’interno della villa. L’antica villa si trova in una zona panoramica di Forio e il verde intorno la rende ancora più intrigante. Una volta sull’isola difficile privarsi del piacere di una passeggiata tra i vicoli caratteristici del Borgo di Sant’Angelo. Un posto molto affollato durante l’intera giornata per i numerosi bar e negozi di souvenir e impreziosito anche dal suo piccolo ma attraente porticciolo.

Se ci si ritrova a Ischia in estate, poi, è praticamente impossibile resistere alla tentazione di un rilassante bagno, la Baia di Sorgeto e la spiaggia dei Maronti sono l’ideale per concedersi qualche momento di assoluto relax. La Baia di Sorgeto, inoltre, è particolarmente indicata per gli amanti delle sorgenti termali perché qui in alcuni tratti l’acqua è pressoché bollente.

Ma Ischia è un’isola che si distingue anche per la sua movimentata vita notturna per via dei molti locali che garantiscono serate romantiche e tanto divertimento. Locande, ristoranti, taverne e disco bar dislocati su tutta l’isola: da Ischia porto a Forio tanti anche i locali notturni dove ballare e cantare fino all’alba.

Raggiungi la meravigliosa Paxos

La mia esperienza a Paxos è stata ottima. Ho raggiunto questa meravigliosa isola greca scegliendo tra i tanti traghetti da Brindisi a Paxos. Un’esperienza speciale fin da subito. Ero un po’ dubbioso sui viaggi in traghetto ma mi sono ricreduto. La vera vacanza è iniziata dalla partenza. Nessun problema al momento dell’imbarco, tutto preciso e senza problemi di alcun genere. Il viaggio è stato ottimo, circa 11 ore di traversata. Massima puntualità e personale molto attento a rispondere ad ogni nostra richiesta. Il vantaggio è stato quello di poter portare la nostra auto in vacanza senza problemi. Viaggiare a bordo di un mezzo che conosci è un motivo di sicurezza e tranquillità in più quando si va in vacanza. Nessun limite di peso all’imbarco dei bagagli e quindi nemmeno quella fastidiosa scelta di quali indumenti portare e cosa lasciare a casa prima di partire per non superare i limiti consentiti. E poi il nostro cane è venuto con noi perché l’accesso agli animali è permesso. È stato il modo migliore la nostra tanto attesa vacanza. La soddisfazione di fare un viaggio in traghetto è stata massima e consiglio a tutti di provare un’esperienza del genere. Durante il viaggio poi il tempo passa velocemente grazie ai tanti servizi messi a disposizione della compagnia. Dai film che si possono guardare nella zona riservata alle proiezioni, al panorama che si può ammirare uscendo all’esterno è stato tutto molto piacevole. Anche le operazioni all’arrivo sono state rapide e senza intoppi. E poi Paxos si è rivelata un’isola meravigliosa. Accanto a Corfu, è un’isola molto piccola con una lunghezza di 10 chilometri e una larghezza di 2. In totale ci sono circa 2500 abitanti, ma durante il periodo estivo sono tantissimi i turisti che la visitano. Molto bella la località di Gaios a sud ovest. Il suo piccolo porto è sovrastato da una vecchia fortezza. Qui ci sono tanti piccoli locali e ristoranti molto caratteristici e un interessante museo del folklore. Se ci si sposta a nord si incontra un’altra località molto caratteristica: Lakka. Inserita in una baia naturale a forma di mezza luna, è il posto ideale per gli amanti delle immersioni o degli sport d’acqua in quanto la sua forma protegge la zona dai venti e consente di seguire le correnti. Da visitare assolutamente la frotta marina di Ypapanti, uno spettacolo naturale che vi lascerà senza fiato.

In viaggio verso l’Albania

Oggi  puoi decidere di partire con il traghetto per l’Albania e raggiungerla facilmente, attualmente esistono quattro porti italiani collegati con due porti albanesi e diverse compagnie effettuano rotte di andata e ritorno tra questi due paesi. Dall’Italia si può partire da Trieste, Ancona, da Bari e da Brindisi, mentre i porti albanesi collegati sono Durazzo e Valona. Andando con ordine da nord a sud, da Trieste il collegamento è con Durazzo utilizzando i traghetti di Adria Ferries. Si tratta della traversata più lunga. Il viaggio dura 27 ore. Il costo del biglietto varia naturalmente a seconda del periodo in cui si effettua il viaggio. Su questi traghetti è consentito il trasporto di un bagaglio a mano. Per chi viaggia con l’auto, il bagaglio può essere lasciato nel bagagliaio. Poiché le navi non sono attrezzate per l’assistenza alla gravidanza ed al parto, le donne che hanno concluso la loro ventiquattresima settimana di gravidanza non possono salire a bordo. I cani possono essere imbarcati muniti di museruola e sosteranno nel canile di bordo, mentre gatti o altri animali domestici potranno salire all’interno delle apposite gabbiette o ceste. Sempre questa compagnia effettua il collegamento tra Ancona e Durazzo (20 ore di viaggio) e da Bari a Durazzo (9 ore di viaggio). Tra Bari e Durazzo ci sono poi altre due compagnie che effettuano i collegamenti: Grandi Navi Veloci effettua 6 corse alla settimana, mentre il servizio Ventouris Ferries arriva fino a 15 traversate settimanali. Su Grandi Navi Veloci potrete scegliere tra diverse tipologie di cabine: da quelle standard interne a quelle vista mare fino alle suite. Su queste navi è consentito l’imbarco degli animali che possono restare sempre in compagnia dei loro padroni. È stato infatti allestito un programma proprio per chi viaggia con cani o altri animali. Negozi duty free e aria condizionata in cabina anche per Ventouris Ferries che collega Bari e Durazzo. Per chi viaggia su questi traghetti c’è la possibilità di lasciare il bagaglio in auto, ma il garage non sarà poi raggiungibile durante il viaggio. Sulla tratta Brindisi-Durazzo ad oggi esiste solo una compagnia di navigazione: la Red Star Ferries. Il viaggio dura circa 6 ore e il servizio viene effettuato tre volte alla settimana. Infine sulla rotta Brindisi-Valona attualmente operano 3 compagnie di navigazione. Si tratta della European Seaways che effettua una corsa al giorno, la Red Star Ferries con 5 corse alla settimana mentre il servizio European Ferries viene effettuato fino a 7 volte settimana.

Per un viaggio di piacere scegli Ibiza

Una vacanza da ricordare. Ibiza offre molto di più di quanto non si possa pensare. I divertimenti e gli spettacoli straordinari dei suoi locali si combinano con la possibilità, per chi lo preferisce, di trascorrere giornate in pieno relax godendo di panorami meravigliosi con la natura assoluta protagonista. Il viaggio last minute ad Ibiza che ho fatto mi ha dato ancora una volta la conferma che Ibiza non tradisca mai le aspettative. Soggiornando nella città di Ibiza abbiamo avuto il vantaggio di poter raggiungere facilmente i locali alla sera senza problemi, mentre durante il giorno con gli autobus ci si muove comodamente ovunque pagando davvero poco. Per chi volesse c’è poi la possibilità di noleggiare auto o scooter in tantissime agenzie sul posto. Prenotando in anticipo dall’Italia prima di partire, però, potrete anche risparmiare qualche soldino. Di spiagge da visitare a Ibiza c’è l’imbarazzo della scelta. La spiaggia di Las Salinas è una delle più frequentate e si trova vicino alla periferia di Sant Jordi de Ses Salines. Sono circa 11 chilometri di distanza dalla città di Ibiza. Spiaggia in cui non mancano i divertimenti e il cui panorama è arricchito dalla vista di Formentera (in cui non potete non fare una gita). Più vicina al capoluogo è la spiaggia di Talamanca, una lunghissima spiaggia di sabbia fine e bianca che si raggiunge facilmente dopo soli 3 km. Spiaggia abbastanza tranquilla, ben attrezzata, più adatta alle famiglie. In assoluto una delle più belle spiagge è Cala Comte, a 10 chilometri da Sant Josep, in direzione Port d’es Torrent. Una spiaggia davvero bellissima. Lunga oltre cento metri, con sabbia fine. Qui si possono ammirare i colori straordinari dell’acqua che variano dal blu profondo a tonalità turchesi. Sempre in questa spiaggia potrete provare i mojito più buoni dell’isola nel bar ristorante che si affaccia direttamente sul mare. Le zone più tranquille sono comunque quelle che si trovano nella zona nord est di Ibiza. A ovest, San Antoni è invece la meta preferita da turisti inglesi, tedeschi e olandesi. Per quanto riguarda i divertimenti e gli spettacoli a Ibiza c’è davvero di tutto. Tra le discoteche storiche c’è il Pacha. È un po’ caro, ma è il locale in cui si può trovare tutto quello che si vuole. Altra discoteca storica a San Rafael è l’Amnesia dove si esibiscono i dj di fama internazionale. Tra i locali più alla moda ci sono anche El divino, El paradis, l’Eden e il Privilege. Tutti locali in cui trovare spettacoli con l’acqua, con la schiuma o in cui ballare fino all’alba la musica più bella del momento.

Dove pernottare ad Ibiza

Ibiza è un’isola di straordinaria bellezza capace di regalare emozioni e divertimento dalle prime del giorno fino a tarda notte. Da queste parti annoiarsi è praticamente impossibile, tante sono le cose da fare e da vedere: dalle spiagge alla vita notturna qui tutto ha un fascino particolare. La natura selvagge delle sue spiagge e la vivacità delle sue notti suscitano l’interesse di un numero sempre più crescente di turisti.

La spiaggia di Cala Codolar è una caletta dall’aspetto selvaggio caratterizzata da una bella vegetazione, dalle basse scogliere e dalla sabbia chiara. La sabbia bianca e una natura incontaminata sono anche gli aspetti più rilevanti di Et Cavallet, una spiaggia dalle grandi dimensioni e molto apprezzata. Luoghi ideali dove emozionarsi anche guardando i bellissimi tramonti di Ibiza.

Ma Ibiza, e non è affatto un mistero, è principalmente conosciuta per la sua movimentata movida. Da nessuna parte come qui la notte è vivace, stravagante e trasgressiva. Tante le discoteche dell’isola, locali megagalattici dove si organizzano numerose feste a tema: serate incentrate sulla musica rave, house, etc. Tra le discoteche più note e frequentate da segnalare El Divino, un locale di tendenza dove non è difficile incontrare gente famosa e dove ballare è un vero piacere vista anche la presenza di bellissime cubiste. La storia e gli ambienti particolari caratterizzano il Pacha, forse la discoteca più famosa dell’isola. Allestita su diversi piani, su ognuno di essi sono presenti bar e si può ascoltare musica diversa. Comunque per vivere la notte non necessariamente bisogna frequentare uno di questi locali perché ad Ibiza ci si diverte anche per strada, dove i turisti normali si mescolano alle tante persone stravaganti vestite in modo particolare.

Pernottare ad Ibiza non significa obbligatoriamente spendere una fortuna, sull’isola ci sono zone strategiche dove soggiornare a prezzi molto competitivi, basterà cercare appartamenti a  Figueretas ad Ibiza, centrale e a soli cinquecento metri dal mare, è possibile pernottare a prezzi più bassi rispetto ad altre zone senza privarsi di ottimi servizi. Qui troverete confortevoli appartamenti dotati di ogni comfort, luminosi e con vista mare: cucine attrezzate, splendide terrazze, camere climatizzate e così via. Rapporto qualità/prezzo è una zona da preferire anche quando si sceglie di pernottare in hotel, belle strutture con tariffe vantaggiose. Hotel ideali sia per coppie che per famiglie, molti dei quali dotati di parcheggio, accesso diretto alle spiagge e piscine.

Bagaglio smarrito vacanza rovinata

Lo smarrimento del bagaglio quando si viaggia in aereo è un’esperienza che non auguro proprio a nessuno. Purtroppo è quello che è capitato a me di recente, durante un viaggio da me tanto atteso e pianificato in ogni dettaglio. Potete facilmente comprendere il mio stato d’animo quando, dopo una lunga attesa davanti al nastro trasportatore, ho dovuto accettare la triste realtà: il mio bagaglio era stato perso!

Vivo in Emilia Romagna e ho sempre desiderato visitare la Sicilia, specialmente Palermo, una città che mi ha sempre affascinato per la sua cultura, il suo cibo e le sue tradizioni. Sfruttando un breve periodo di vacanza e approfittando di un’offerta promozionale, ho prenotato un volo da Bologna con scalo a Roma ed arrivo proprio nella capitale siciliana. Dopo aver preparato il viaggio con cura, prenotando l’hotel e compilando una lista di tutti i luoghi da visitare, sono quindi partito la mattina presto e dopo aver transitato a Fiumicino, sono arrivato in tarda mattinata in Sicilia. Mentre aspettavo il mio bagaglio all’aeroporto, ho scoperto che questo era stato smarrito, probabilmente a Fiumicino. Che delusione, la mia vacanza era rovinata!

Mi sono chiesto allora cosa avrei potuto fare. Anzitutto mi sono recato presso l’ufficio bagagli smarriti dello scalo per dichiarare la mancata consegna della mia valigia. Ho mostrato i miei documenti di viaggio e ho compilato un modulo che richiedeva di descrivere il contenuto del mio bagaglio, ed in seguito mi sono recato in città per fare il check-in presso l’hotel. Palermo è fantastica e la giornata era stupenda, tuttavia non riuscivo ad apprezzarla pienamente per via dello spiacevole incidente nel quale ero occorso.

Erano già passati due giorni e del mio bagaglio non vi era ancora nessuna traccia. Mi sono rivolto ad un’agenzia di risarcimento che aveva una filiale anche nella città siciliana e ho illustrato la situazione nella quale mi trovavo. L’accoglienza che ho ricevuto è stata molto gradevole e sono stato informato nei dettagli circa i diritti che tutelano i viaggiatori in caso di smarrimento o danneggiamento dei bagagli durante il viaggio in aereo. Ho scoperto che è possibile ottenere dei rimborsi pari a 20 euro per ogni kg della valigia, e se il bagaglio viene definitivamente perso, è responsabilità della compagnia aerea risarcire il viaggiatore con somme fino a 1200 euro. Mi è stato infine consigliato di stipulare prima della partenza delle polizze di assicurazione, che sono in grado di garantire e velocizzare i rimborsi.