La cravatta: come scegliere il nodo perfetto

Parliamo di uno degli accessori di abbigliamento simbolo di eleganza e stile che esprime al meglio la personalità degli uomini. La scelta del modello giusto è quindi importante e complessa. Dal classico al moderno, le cravatte Finamore sono il dettaglio ideale che non può mancare nell’armadio di un uomo. La scelta della cravatta perfetta dipende dall’outfit: se si sposa uno stile rétro allora le fantasie a righe e a pois sono ottime. 

Se si preferisce invece uno stile semplice e allo stesso tempo ricercato, si preferiscono tinte unite, soprattutto se il tessuto della giacca è impegnativo e la camicia presenta microfantasie. In linea di massima la scelta della cravatta mette d’accordo tutti, ma c’è chi non la ama particolarmente e vive come un vero e proprio trauma il famoso nodo. Pare che ogni uomo debba sapere come fare un nodo alla cravatta. Non saperlo fare sembrerebbe una grave mancanza. Ma sapevi che esistono tantissimi modi per annodare le cravatta? 

E sapevi che ogni nodo ha un ruolo specifico?

I quattro nodi per cravatta più diffusi  

Il nodo è probabilmente il primo dettaglio che risalta all’occhio quando si osserva la mise di un uomo. Tutto dipende dalla larghezza e dalla lunghezza della cravatta, dal colore e dal tessuto di questa. Niente viene lasciato al caso. Il nodo si sceglie anche in base all’occasione giusta. Le indicazioni sono poche e semplici. 

Chiaramente se abbiamo deciso di indossare una cravatta, la regola principale è chiudere il bottone più alto della camicia. Una volta fatto il nodo infatti è necessario farlo salire fino a nascondere il primo bottone. Bisogna verificare che il nodo alla cravatta sia posizionato al centro della camicia. Tendenzialmente la scelta ricade sempre su quattro nodi: il nodo windsor, il mezzo windsor, il nodo semplice e il nodo piccolo.

Il nodo Windsor viene utilizzato per le occasioni formali. Perfetto per gli eventi importanti, pare che il suo nome derivi proprio dal Duca di Windsor che amava un nodo simile, ampio e triangolare.

Il nodo mezzo windsor assomiglia a quello Windsor ma è molto più semplice da realizzare e richiede meno passaggi. Va portato con la camicia semi aperta ed è per questo un nodo giornaliero. 

Il nodo semplice invece è quello più utilizzato. Esso si adatta ad ogni tipo di collo di camicia e ad ogni cravatta. Moderno e giovanile, è perfetto per il look casual. 

Il nodo semplice o orientale è pensato per gli uomini di altezza media o molto alti. 

Il suo aspetto è conico e allungato.

Per il nodo piccolo invece, la scelta è ridotta. Esso si adatta solo alle cravatte spesse e col collo stretto. Anche questo però è elegante e raffinato per qualsiasi occasione. Viene consigliato agli uomini molto alti ed è ideale per cravatte molto spesse. E’ un nodo che stropiccia molto la cravatta ed è perfetto per le cravatte in seta. 

Ogni nodo ha una sua storia e personalità. Qualunque scegli per la tua mise, devi avere a tua disposizione: uno specchio, la fantasia giusta di cravatta e tanta buona volontà.